Nella famiglia dei psittacidae fanno parte tutti i pappagalli del mondo che non rientrano nei gruppi della famiglia dei Loridae e della famiglia dei cacatuidae.

I pappagalli di questa famiglia i sono raggruppati nelle sottofamiglie:

  • Stringopinae 
  • Psittacinae
  • Micropsittinae
  • Nestorinae

In questa famiglia è inclusa la maggior parte dei pappagalli allevati in cattività e addomesticati come animali da compagnia quali:

  • Ara
  • Amazzoni
  • Cenerini
  • Inseparabili
  • Ondulati

Si tratta di un insieme numeroso ed eterogeneo di specie, con taglie variabili dai pochi cm (pappagalli pigmei) ai quasi 100 cm delle grandi ara.

Caratteristiche generali dei pappagalli della Famiglia dei Psittacidae

Alcune specie si presentano con corpo tozzo e coda a spatola, altri con corpo filante e coda lunga.

La maggior parte sono arboricoli ma alcuni anche terricoli (come kea e kaka).

In generale sono tutti ottimi arrampicatori, mentre non tutti hanno eccellenti qualità come volatori.

Amano vivere nella boscaglia più o meno fitta o nelle praterie costellate da grandi alberi; pur non essendo grandi bevitori, amano le zone ricche di corsi d’acqua.

Mentre Cacatuidi e Loridi sono localizzati in un areale comune, tra Australia e isole del Pacifico, la famiglia dei Psittacidi, con le oltre 150 specie, vivono in tutti gli areali dove i pappagalli sono presenti.

Poiché all’interno di questo gruppo sono comprese specie molto differenti tra loro, le descriveremo raggruppandole in sottogruppi secondo taglia e abitudini comuni.

PSITTACIFORMI DI TAGLIA MEDIO-GRANDE

Ara Amazzoni Cenerini

  • Hanno in comune l’abitudine di usare le zampe per portare il cibo al becco;
  • Hanno grandi becchi molto forti;
  • Raggiungono la maturità sessuale tra i 4 e i 7 anni;
  • Impiegano tutta la stagione riproduttiva per svezzare un sola nidiata, normalmente di 2/3 piccoli al massimo.
    Psittacidae ara giacinto
    Psittacidae Cenerino

    PSITTACIFORMI DI TAGLIA MEDIA

    Pionus – Pionites

    Anche se hanno una conformazione più raccolta, mantengono la caratteristica di un becco forte rispetto alle dimensioni della testa, tipica dei pappagalli di taglia grande e medio-grande (così come accade per gli altri pappagalli di taglia leggermente inferiore, come gli africani Poicephalus).

    Psittacidae pionus chalcopterus
    psittacidae pionus chalcopterus
    Psittacidae pionus menstruus

    PSITTACIFORMI DI TAGLIA MEDIO-PICCOLA

    Roselle – Conuri – Monaco – Parrocchetti asiatici

    • Sono ottimi volatori, caratterizzati da forma slanciata e coda lunga;
    • Il becco è decisamente più proporzionato alle dimensioni della testa;
    • Sono, di solito, molto chiassosi;
    • Vivono e nidificano in maniera diversa, prediligendo spesso le colonie numerose, a volte costruendo nidi comuni con più entrate e camere di cova;
    • In una stagione riproduttiva possono facilmente portare a termine 2 cove
      Psittacidae Conuro Del Sole
      Psittacidae Conuro
      Psittacidae Rosella Comune

      PSITTACIFORMI DI TAGLIA RIDOTTA

      Inseparabili – Cocorite – Etc…

      • Hanno forma compatta ma a volte con coda lunga;
      • Non utilizzano le zampe per portare il cibo al becco, ma usano quest’ultimo per raccoglierlo direttamente;
      • Nidificano anche 3 volte a stagione e i loro piccoli sono autonomi a 6/7 settimane;
      • La riproduzione ha una caratteristica generale comune a quasi tutti: quella della ricerca di cavità negli alberi dove allestire camere di cova che possono avere sviluppo sia verticale che orizzontale.
        psittacidae cocorite

        Altre specie di pappagalli della Famiglia dei Psittacidae

        Psittacidae

        KEA

        Che per la nidificazione preferisce stare a terra in anfratti rocciosi.

        PARROCCHETTO TERRAGNOLO

        Che nidifica in tane scavate a terra.

        Psittacidae

        KAKAPO

        Che di giorno si riposa tra le frasche ed in piena attività nelle ore notturne.